nonsolorock

Descritto da: “campania, terra di musica – campania, land of music” (annuario turistico 2004 della regione campania, stampato in inglese ed italiano) come “una delle manifestazioni più importanti della Campania, un festival che si è imposto all’attenzione internazionale”.

fin dall’esordio, nel 1997, nonsolorockculture &solidarity festival ha avuto l’ambizione di non far rumore solo con i decibel dei concerti, ma anche attraverso l’adesione convinta a lotte per i diritti umani e la legalità, l’opposizione decisa ad ogni forma di razzismo, l’affermazione del diritto fondamentale alla libertà d’espressione. in tal senso, la presenza fissa di Emergency e Amnesty International al festival costituisce il segno più tangibile – ma non l’unico – di una visione secondo cui la musica, il divertimento, la leggerezza non devono essere necessariamente occasioni di fuga dal reale, di evasione, ma possono rappresentare il momento di aggregazione e di risveglio sociale e culturale. Per questo nonsolorock festival non è rivolto tanto ai “giovani” quale categoria anagrafica e segmento di mercato, quanto alle persone di tutte le età, per le quali la musica popolare è cultura, l’arte non è uno spreco di risorse, la solidarietà è il valore fondante di una società più giusta e l’impegno civile è il cuore della libertà.

quanto alla proposta artistica, nonsolorock rivolge la propria attenzione principalmente alle band indipendenti, a quel mondo ribollente di proposte, immaginazione, esperimenti, follie, che si trova appena fuori dai confini del mercato, e che con quest’ultimo ha sempre più difficoltà ad interagire. nata quando internet era agli albori, l’idea di offrire ai musicisti emergenti/indipendenti la possibilità di condividere il palco con nomi già affermati esprimeva il desiderio di aprire uno spazio che non esisteva. oggi quell’idea significa dare a diversi artisti la possibilità di emergere dal rumore di fondo di internet e, contemporaneamente, di non dover passare attraverso i talent show televisivi, impegnati nella ricerca di cloni più o meno diretti di artisti e tendenze gia affermati.

nonsolorock festival è un festival aperto a bands/artisti italiani e stranieri, di qualunque nazionalità, età, sesso, razza, religione o credo politico.l’intento della manifestazione è dare visibilità e possibilità di esprimersi alle bands/artisti che vogliono dire la propria nel panorama musicale non solo italiano ed anche evidenziare il ruolo, la qualità e quantità di musica valida esistente che, per diversi motivi, non trova spazio per la propria voce. Il festival va oltre i momenti musicali per inserirsi, col prologo al tema, nella tendenza sociale che punta alla salvaguardia della persona umana, contro la pena di morte e contro la tortura nel mondo. Lo slogan della manifestazione “ama la musica, omcbatti il razzismo!” accompagna da sempre l’impegno per la diffusione dei valori di pace, di solidarietà e fratellanza tra i popoli che nonsolorock porta avanti.

nel 2006 hanno firmato il manifesto ufficiale del festival perino& vele, nel 2013 marco neri mentre nel 2014 paolo grassino.

da sempre dibattiti e presentazioni libro hanno caratterizzato l’espressione culturale di nonsolorock. Intellettuali, scrittori e ricercatori hanno accettato col sorriso sulle labbra di essere presenti al festival.

dal 1997 sul palco di nonsolorock festival
jennifergentle, the zen circus, banco del mutuo soccorso, nadàar solo, velvetjune (d), marcellocoleman, vallanzaska, elle bandita (o), onedimensional man, yuppie flu, elvisjackson (s), modena city ramblers, petrina, ladri di biciclette, michelagrena&wwd the rooticaldubwise session, black manila (uk), ulanbator (f), bandabardò, casino royale, the bishops (uk), edoardo bennato, goodmorning boy, let’sgetlost, sjesau (uk), almamegretta, peppe barra, the gang, la maschera, the rust& the fury, taglia 42, bisca, sud sound system, nuove tribù zulu, musicalia, rèmember (u), 24 grana, nobraino, carlot-ta, marco parente, nedelle (usa), bambole di pezza, pipers, le loupgarou (i/f), b.r. stylers, piturafreska, paola donzella, i serpenti, natural dub cluster, joe barbieri, radici nel cemento, l’enfancerouge (f), franklin delano, redworms’ farm, feverdream (o), bizantina, rfc, antonio onorato, the circlesouth, pulp-ito, james senese, carvinjones (usa), mascarimirì, arrows of love (uk), enzoavitabile, xangò, alanwurtzburger, pseudofonia, votiva lux, mambassa, piccola orkestra per prestazioni occasionali, phoneregis, the heathers (uk), elle, melonrouge, quarta parete, torpedo, ct-lab, atman, urban soul, naïf, masoko, kech, vale poher (f), milaus, icaroredrum, veronica marchi, mirsie, officinalchemike, shotgunbabies, indbustry, muiravalefreetown, moongoose, carola moccia, luminal, mumble rumble, harddiskaunt, balaperdida, le meleagre, drops, risin in family, safillè, scat, le nèon noir, zia pia, cuori dalmati, sudest, blessedchild opera, a modern safari, sinergia, mamasan, nomoi, topi muschiati, colyalcolor, berenice beach, nista, stella diana, arie, anema.